Studiare in Irlanda: l’esperienza di Sofia

Ragazzi ed esperienze all’estero, un binomio che ci interessa sempre molto. Tantissime sono le opinioni positive che abbiamo raccolto e oggi parliamo di un Paese che non avevamo ancora citato: l’Irlanda. Sofia, 21 anni, ha deciso quando ne aveva solo 16 di partire e vivere un mondo diverso a fianco di persone che ancora oggi sono rimaste importantissime per lei.

Ecco la sua storia!

Studiare in Irlanda

Studiare in Irlanda: la storia di Sofia

Avevo sedici anni quando una mattina mi sono svegliata e ho deciso di voler vivere il mondo in modo diverso.

Mentirei se dicessi che ho deciso di partire a quell’età, per tre mesi, solo perché volevo imparare l’inglese. O meglio, uno dei motivi è stato quello, ma la ragione principale è sempre stata legata al fatto di voler vivere diversamente, di sperimentare il mondo lontana dalla mia città, Cremona.

Ricordo ancora di aver detto a mia mamma di voler studiare in un paese straniero e sulla sua faccia era comparso un grande punto di domanda, probabilmente perché non si sarebbe mai aspettata una richiesta del genere.

Non sono mancate le difficoltà nel convincerli inizialmente, ma poi hanno probabilmente deciso di fidarsi di me e della mia decisione.

Sono partita con una valigia di 20 kg e dei sogni ancora più grandi, per un piccolissimo paese dell’Irlanda. Un posto così piccolo che si dice ci siano più pecore che abitanti.

Appena arrivata ho trovato una host-family meravigliosa composta da una coppia di circa trent’anni. Mi hanno accolto come se fossi loro figlia dal primo giorno e il legame si è consolidato sempre di più.

Norma, la mia host-mum, aveva una sorta di asilo nido nella nostra casa e la sera lavorava nel ristorante dei suoi genitori. Thomas, il mio host-dad era un operaio per una piccola azienda nei dintorni.

La mattina trovavo sempre Norma in cucina che mi illuminava con un sorriso e il suo tipico “Good morning Sofia, did you sleep well?”. Il tutto mentre mi preparava un packed-lunch per la scuola.

A due metri da casa avevo la fermata dell’autobus e ogni giorno salivo su uno tipico scuolabus per arrivare nel cortile di un enorme e moderno stabile.

La mia mattina era composta da tre “moduli”, che corrispondevano a tre materie, della durata di un’ora ciascuno. Avevo poi un’ora e mezza di pausa e il pomeriggio ero impegnata con diverse attività extra-curriculari come, per esempio, musica e teatro, Gaelic football e persino cucina!

La sera poi, capitava spesso, di uscire con gli amici per una pizza e una partita a biliardo, che in quella zona era un must!

Quando ti ritrovi catapultata in un’altra realtà, tutto si azzera. Nessuno sa chi sei e la difficoltà sta nel farti conoscere e aprirti agli altri. Credo che, aprire i miei orizzonti e non avere avuto alcun tipo di pregiudizio, mi abbia permesso di fare moltissime amicizie, conoscere le persone del posto e integrarmi con loro, imparare a comprendere la loro cultura e fare tantissime esperienze che mai avrei immaginato.

I momenti difficili non sono mancati, specialmente quando una giornata non andava come avevi previsto e la sera non trovavo la mia famiglia a casa. Ricordo però che, qualsiasi cosa accadesse, la mattina mi alzavo, mi guardavo allo specchio e ripetevo “oggi è una nuova giornata”.

Sono tutt’ora convinta che il segreto fosse proprio quello: ricominciare ogni giorno, sapendo di avere accanto persone che mi conoscevano da poco ma che erano comunque pronte ad aiutarmi in qualsiasi modo.

L’Irlanda mi ha insegnato a razionalizzare ogni piccolo avvenimento della vita. Mi ha anche insegnato ad essere paziente, a non arrabbiarmi o sentirmi sconfitta alla prima difficoltà. Mi ha inoltre permesso di diventare molto più responsabile di me stessa e degli altri.

Ancora oggi, a ventun’anni, torno quasi ogni estate, dagli amici che ho lasciato in quel posto. Ed ogni volta è come se fosse il primo giorno di quel 2016. Posso davvero affermare di avere una seconda “vita” in quei luoghi così verdi e sperduti.

Se stai pensando di partire per un’esperienza all’estero, che tu abbia sedici anni o trenta, non importa. Non pensarci due volte: parti! C’è così tanto da scoprire ed esplorare. La tua vita cambierà per sempre e il bagaglio che guadagnerai, ti arricchirà per tutta la vita.

Sofia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...