Intervista a Riccardo Betteghella: il Ricky di Casa Surace

Chi non ha presente Casa Surace con i suoi video divertenti che ironizzano sulle differenze tra Nord e Sud? E in particolare i personaggi ormai famosi come nonna Rosetta, Ricky, il milanese e Pasqui, il pugliese?

Beh, Ricky è Riccardo Betteghella attore originario di Napoli. Sì, di Napoli, nonostante a Casa Surace faccia la parte del milanese. Per conoscerlo meglio gli abbiamo posto qualche domanda su di lui e sul suo lavoro!

– Parlaci di te, cosa hai studiato, quanti anni hai e dove hai vissuto?

Buongiorno sono Riccardo e ho 30 anni. Ho deciso di rispondere a questa domanda come se fossi ad un colloquio di lavoro, anche se nella mia vita di colloqui di lavoro ne avrò fatto forse uno e non venni neanche selezionato, ad ogni modo fra serate tra fuorisede, concerti, feste Erasmus e manifestazioni mi sono laureato in Lingue, come la maggior parte delle persone che finito il liceo non sanno cosa fare delle loro vite. Fortunatamente avendo trascorso un anno in America quando ero al liceo e un anno in Spagna per l’Erasmus il percorso universitario mi è risultato abbastanza facile, così come per gli esami in linguaggi multimediali dove si studiavano serie TV, film e social network, e gli esami di storia del teatro e storia dell’arte devo dire che l’esperienza universitaria è stata tutt’altro che spiacevole. Aggiungi al tutto un corso di fotografia, uno in regia e montaggio video e tre anni in una web radio e la mia formazione era completa per poter diventare un perfetto disoccupato nella Napoli del 2015. E proprio quando meditavo di emigrare ho incontrato i ragazzi di Casa Surace che mi invitarono a girare un video con loro e il resto è cronologia di youtube.


– Come ti definisci? Dicci tre qualità e tre difetti

Testardo, Ambizioso, Curioso, Solitario, Perfezionista, Sensibile. Ora Scegliete voi quali sono qualità e quali difetti. Io stesso ho difficoltà a distinguerli a volte.


– Cos’è e com’è nata casa Surace?

L’idea è nata dall’unione di ragazzi di Sala Consilina e Ragazzi di Napoli. Una casa di studenti napoletana (Casa Surace) Simone e Paolo Petrella ospita per un po’ Daniele Pugliese e Andrea di Maria (di Sala Consilina) e dall’unione di queste menti folli nasce Casa Surace, che all’inizio si occupava prevalentemente di organizzare feste da sballo. Alla soglia dei 30 anni questi non più tanto giovani ragazzi decisero di organizzarsi e autoprodurre dei contenuti comici e virali e di caricarli in rete. Da cosa nasce cosa, arriviamo io e Pasqui e ha inizio il format “il terrone fuori sede”.


– Come funziona il vostro lavoro?

Casa Surace è davvero una casa dove a volte ci vengono a trovare dei brand che sono interessati a lavorare con noi, e dopo un primo incontro tra parte autoriale e parte commerciale si cerca l’idea giusta per un video e si gira. É davvero più semplice di quello che sembra.


– Come sono nati i personaggi di Casa Surace e il tuo in particolare?

I personaggi del terrone fuorisede nascono un po’ dall’immagine stereotipata che si ha delle case dei fuori sede. Cioè metti un ragazzo pugliese (Pasqui) e uno milanese (Ricky) in una casa, aggiungi una fidanzata/sorella (Fernanda), una mamma (Antonella) e una nonna (nonna Rosetta) e si ha un perfetto quadro di quello che vivono tutti i giorni migliaia di fuori sede sparsi per l’italia che si trovano ad unire la vita personale e familiare con quella degli studi e l’esperienza in una città del nord. Il mio personaggio nasce dall’elasticità che ho sviluppato negli anni di modificare la voce e l’intonazione e da uno studio approfondito sui dialetti, e dopo tante prove quello che mi veniva meglio era proprio il milanese, e così è nato “RICKY il ciutaglione”.


– Che differenze ci sono tra “Riccardo” e “Ricky” di Casa Surace?

A parte quelle linguistiche non molte, sia Ricky che Riccardo a volte sono un po’ impacciati, non amano i luoghi affollati e caotici, non sopportano chi urla e amano la cotoletta alla milanese. Mi piace pensare che Riccardo non sia così ingenuo come Ricky e che se una nonna lo invita a cena lui sa che si deve presentare con le paste o è meglio che non si presenta proprio.


Ti definiresti più youtuber o attore? E perché?

Lo youtuber è in genere chi fa video appunto sul canale e spesso parla in camera trattando svariati argomenti, quindi per definizione non potrei essere proprio uno youtuber. Interpretando un ruolo, recitando nei video di Casa Surace forse come appellativo quello di attore è più calzante.

Quali progetti hai per il futuro?

Dopo quasi 5 anni tra video, eventi dal vivo, concerti, serate, Sanremo e ospitate in programmi TV direi che di sicuro l’intento è quello di restare nel mondo dello spettacolo. Mi piacerebbe avventurarmi anche in progetti che mi portino ad esplorare altri luoghi della recitazione, personaggi diversi e magari anche mezzi di comunicazioni diversi come una serie TV o un film al cinema. Quindi nell’immediato proverò a fare qualcosa in queste direzioni ma non si sa mai cosa può succedere nella vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...